Via Pietro Metastasio n.26 - 25126 Brescia - tel. 030.291478 fax 030.43194

COOKIES e POLICY
Questo sito utilizza i cookies di profilazione per tenere conto delle scelte di navigazione fatte dall’utente. Inoltre, vengono utilizzati anche cookies di parti terze. Per avere maggiori informazioni e conoscere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Continuando a navigare sul sito, l’utente accetta l’uso dei cookies. Per proseguire conferma di aver preso visione di questo avviso cliccando QUI o su qualsiasi altra parte del sito.”  


RIAPERTURA UFFICI AL PUBBLICO
Si comunica  che la Segreteria di OPI Brescia  riaprirà al pubblico dal 29 giugno,
rispettando i normali orari già in vigore prima dell'emergenza COVID-19. 
L' accesso alla sede sarà consentito rispettando le norme di distanziamento e di sicurezza previste dalla Legge.
Prevenzionecovid

Restano attivi  i SERVIZI ONLINE per iscrizioni e rilascio certificati,
visitare la sezione SERVIZI, pubblicata nella home page di questo sito.


1pos

2.12.18 - FNOPI, Mangiacavalli sul 'caso Venturi': “Fuori la politica dalla professione”

02/12/2018 - "Venturi ha agito come Assessore regionale e pertanto non può certamente dubitarsi del fatto che abbia svolto funzioni volte alla cura di un interesse generale, che nulla hanno a che vedere con l’esercizio della professione medica".

“La radiazione dell’assessore Sergio Venturi dall’Ordine dei medici per aver svolto il suo compito di programmazione e gestione della Sanità in una Regione, l’Emilia Romagna, dove i risultati sanitari più che positivi sono sotto gli occhi di tutti, non è un atto di natura professionale ordinistica, ma l’ennesima ingerenza della politica in una materia dove la politica non dovrebbe entrare”.

Barbara Mangiacavalli, presidente della Federazione nazionale degli Ordini degli infermieri, il più grande Ordine italiano con i suoi oltre 440mila infermieri presenti in Italia, interviene sul “caso Venturi”, che ha visto l’assessore dell’Emilia Romagna e presidente del Comitato di settore Regione Sanità, quello cioè che si occupa dei contratti, radiato dall’Ordine dei medici di cui faceva parte per aver adottato una delibera di Giunta contraria alle idee del suo ordine di appartenenza. Leggi articolo