Via Pietro Metastasio n.26 - 25126 Brescia - tel. 030.291478 fax 030.43194

COOKIES e POLICY
Questo sito utilizza i cookies di profilazione per tenere conto delle scelte di navigazione fatte dall’utente. Inoltre, vengono utilizzati anche cookies di parti terze. Per avere maggiori informazioni e conoscere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Continuando a navigare sul sito, l’utente accetta l’uso dei cookies. Per proseguire conferma di aver preso visione di questo avviso cliccando QUI o su qualsiasi altra parte del sito.”  


RIAPERTURA UFFICI AL PUBBLICO
Si comunica  che la Segreteria di OPI Brescia  riaprirà al pubblico dal 29 giugno,
rispettando i normali orari già in vigore prima dell'emergenza COVID-19. 
L' accesso alla sede sarà consentito rispettando le norme di distanziamento e di sicurezza previste dalla Legge.
Prevenzionecovid

Restano attivi  i SERVIZI ONLINE per iscrizioni e rilascio certificati,
visitare la sezione SERVIZI, pubblicata nella home page di questo sito.


1pos

22.03.2020 - Coordinamento OPI Lombardia: : Intollerabile trattamento nei confronti degli Infermieri lombardi

Condividiamo e sottoscriviamo il messaggio inequivocabile della Federazione Nazionale degli Ordini delle Professioni Infermieristiche -stiamo ricevendo un trattamento da parte dello Stato e di molte Regioni inversamente proporzionale al nostro contributo-.

Il Coordinamento degli Ordini delle Professioni Infermieristiche della Regione Lombardia prende posizione sul comportamento istituzionale regionale nei riguardi della professione infermieristica.

“In Lombardia – sottolinea il Coordinamento – la soglia del tollerabile è stata ampiamente superata: siamo la Regione più colpita, dove si registrano più casi e decessi; eppure la scelta non è quella di rafforzare al massimo gli organici infermieristici permettendo e programmando l’invio di professionisti da altre Regioni, sebbene sia chiaro ed evidente a chiunque, che gli infermieri sono in trincea tra coloro che assistono i pazienti, indipendentemente dall’esito che questa epidemia riservi a ciascuna persona, facendo le veci di una famiglia e di amici che non posso essere presenti”. Segue articolo