Via Pietro Metastasio n.26 - 25126 Brescia - tel. 030.291478 fax 030.43194

COOKIES e POLICY
Questo sito utilizza i cookies di profilazione per tenere conto delle scelte di navigazione fatte dall’utente. Inoltre, vengono utilizzati anche cookies di parti terze. Per avere maggiori informazioni e conoscere come negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Continuando a navigare sul sito, l’utente accetta l’uso dei cookies. Per proseguire conferma di aver preso visione di questo avviso cliccando QUI o su qualsiasi altra parte del sito.”  


RIAPERTURA UFFICI AL PUBBLICO
Si comunica  che la Segreteria di OPI Brescia  riaprirà al pubblico dal 29 giugno,
rispettando i normali orari già in vigore prima dell'emergenza COVID-19. 
L' accesso alla sede sarà consentito rispettando le norme di distanziamento e di sicurezza previste dalla Legge.
Prevenzionecovid

Restano attivi  i SERVIZI ONLINE per iscrizioni e rilascio certificati,
visitare la sezione SERVIZI, pubblicata nella home page di questo sito.


1pos

20.07.18 - Comunicato Stampa Ordini provinciali della Lombardia

Gli infermieri Lombardi rinunciano agli incentivi per consentire 250 nuove assunzioni”.

Questo uno dei titoli apparsi stamane sulla stampa che, sebbene chiaramente sia un atto volto ad ottenere nuove risorse a supporto di un sistema da anni in sofferenza, desta non poche preoccupazioni, in chi, come l’ Ordine è garante della professionalità degli infermieri.

“E’ un atto di collaborazione e alto senso di responsabilità” ha affermato l’assessore al Welfare della Regione Giulio Gallera. Risulta chiara la volontà di permettere l’ingresso nella professione e nel servizio pubblico di alcune centinaia di giovani professionisti che possano giungere in supporto di una situazione dove gli organici e l’ innalzamento dell’età di chi è in servizio rende ogni giorno sempre più necessario e urgente un ricambio generazionale, per non mettere nelle condizioni chi oggi è nel servizio sanitario pubblico di non farcela più, evitando turni massacranti anche a vantaggio della qualità dell’assistenza e, quindi, degli assistiti. Leggi il comunicato